Nutrizione e Performance

[dropcap_two] U [/dropcap_two]n’adeguata nutrizione può sollecitare e potenziare le performance quotidiane di ognuno di noi tendendo conto del valore biologico di alimenti potenzialemnte complessi e completi di nutrienti con forti capacità nutraceutiche. Questi alimenti sono in gradi di intervenire in anticipo nell’insorgere di possibili focolai patologici come l’infiammazione, lo stress ossidativo, il danno cellulare, la glicemia, ecc.

La natura come rimedio

[toggle title=”La Nutraceutica”]
  • Storia e significato
  • Il cibo come medicina
  • Alimenti funzionali
  • Supplementi Dietetici
[/toggle]

Basi dell’alimentazione

[toggle title=”Le proteine”]
  • Funzioni biologiche delle proteine
  • Valori calorici ed energetici delle proteine
  • Cosa sono gli aminoacidi
  • Qualità delle proteine in relazione all’alimento
  • Fabbisogni giornalieri
  • Differenze tra proteine animali e vegetali
  • Biodisponibilità delle proteine in associazione ad altri alimenti
[/toggle] [toggle title=”I lipidi”]
  • Cisa sono i lipidi o grassi
  • Tipologie dei lipidi: omega6, omega3, monoinsaturi, saturi
  • Le diverse funzione dei vari lipidi
  • I grassi trans
  • Valori energetici e calorici dei lipidi
  • Il ruolo dei lipidi nell’organismo
  • Le quantità da assumere ogni giorno
  • Gli alimenti con il più alto tenore di lipidi
  • I grassi occulti negli alimenti
  • Disturbi derivanti da un consumo eccessivo di grassi
  • Disturbi derivanti da un consumo insufficiente di grassi
  • Digeribilità dei grassi in funzione della cottura
  • Grassi e colesterolo: tabella degli alimenti più indicativi
[/toggle] [toggle title=”I glucidi”]
  • La composizione dei glucidi
  • La famiglia degli zuccheri:

– Polisaccaridi indigeribili (cellulosa o fibre)
– Polisaccaridi (amidi)
– Saccarosio, destrosio, maltosio, lattosio
– Glucosio, fruttosio

  • Il ruolo dei glucidi nell’organismo
  • Quantità media di zuccheri da assumere giornalmente
  • Gli zuccheri contenuti negli alimenti
  • I valori glicemici degli zuccheri
  • Carboidrati più adatti
[/toggle] [toggle title=”Le vitamine”]
  • Cosa sono
  • Le vitamine conosciute e classificate
  • Il ruolo nell’organismo
  • Le vitamine contenute negli alimenti
  • Vitamine solubili
  • Vitamine insolubili
  • Alimenti freschi e crudi: differenze quantitative di vitamine
  • Principali fonti alimentari di vitamine
  • Quantità giornaliere di vitamine da assumere
[/toggle] [toggle title=”I minerali”]
  • Cosa sono
  • I minerali  classificati
  • Il ruolo nell’organismo dei minerali
  • I minerali nell’acqua
  • Alimenti freschi e crudi: differenze quantitative di minerali
  • Principali fonti alimentari di minerali
  • Quantità giornaliere di minerali da assumere
[/toggle] [toggle title=”L’acqua”]
  • Quanta acqua è necessaria all’organismo tutti i giorni?
  • L’acqua contenuta negli alimenti
  • Alimenti che contengono acqua pura
  • Il ruolo dell’acqua nell’organismo
[/toggle] [toggle title=”Le fibre”]
  • Cosa sono le fibre
  • Fibre solubili e insolubili: differenze e funzioni
  • Funzioni positive delle fibre nell’organismo
  • Funzioni negative delle fibre nell’organismo
  • Alimenti con il più alto contenuto di fibre
[/toggle] [br]

La nutrizione personalizzata

[toggle title=”Tipologie e differenze individuali”] E’ l’attento Studio del paziente e delle sue caratteristiche fisiche e funzionali con l’adattamento degli alimenti in base alle sue specifiche caratteristiche. Questo genere di intervento sull’uomo è in grado di verificare la risposta di determinati alimenti come sapori, qualità digestive, intolleranze, allergie ecc. per ristabilire equilibri e potenzialità energetiche, nonché ridurre specifici fattori di rishcio. [/toggle] [toggle title=”Allergie e intolleranze”] Individuare le diverse risposte del paziente in funzione di determinati alimenti o agenti chimici per ridurre o eliminarli temporaneamente o definitivamente. Le cause possono essere fisiologiche o emozionali, sarà comunque interessante individuare il percorso personale del paziente che lo ha portato a sviluppare, inconsciamente, tali disturbi. La nutrizione è anche un fattore psicologico in quanto coinvolge la persona in un quadro ampio di comportamenti espressi, o subiti da altri. Il mangiare è un evento sociale, oltre che un bisogno, e questo lo rende esposto a numerosi varianti e interferenze emotive.  [/toggle] [toggle title=”Nutrizione mirata”] Far coincidere il più possibile i gusti del paziente con gli alimenti più adatti. La nutrizione mirata è in grado di correggere alcune forme di sovrappeso o obesità che vengono favorite da particolari alimenti non necessariamente considerati cibi che fanno ingrassare, ma che in determinato soggetto tendono ad “accumularsi” o favorire depositi di zuccheri o grassi. [/toggle] [br]

Detox

[toggle title=”La disintossicazione”] « La disintossicazione è un provvedimento diretto alla rimozione di sostanze tossiche e nocive dall’organismo umano. Si basa sull’impiego di sostanze specifiche e mirate per combattere gli effetti lesivi di un veleno, a stimolare l’importante funzione escretrice degli emuntori principali (reni, intestino, polmoni, cute), e a favorire i processi di degradazione metabolica e di neutralizzazione delle sostanze tossiche (detossicazione). » [/toggle] [toggle title=”Le fasi”]

Il processo di disintossicazione avviene in tre fasi:

  1. le tossine accumulate si sciolgono liberando i loro costituenti
  2. acidi e tossine una volta diluiti vengono metabolizzati
  3. acidi e tossine vengono espulsi attraverso l’intestino, i reni, i polmoni, la pelle e le mucose
[/toggle] [toggle title=”Tossine endogene”] Tra queste dobbiamo elencare i metalli pesanti. Tra i più pericolosi abbiamo i seguenti:

  • PIOMBO
  • MERCURIO
  • CADMIO
  • ARSENICO
  • NICKEL
  • ALLUMINIO
  • STAGNO
[/toggle] [toggle title=”Tossine esogene”]

Le principali sostanze di rifiuto generate dal nostro fisiologico metabolismo sono i CRISTALLI e le COLLE (o sostanze colloidali) che generano rispettivamente ACIDOSI e MUCOSI.

Tra i vari tipi di acidi i principali sono:

  • l’ACIDO URICO prodotto da un eccessivo consumo di proteine animali.
  • l’ACIDO OSSALICO prodotto da un eccesso di zuccheri raffinati e, di conseguenza, dall’alterazione della flora batterica intestinale (DISBIOSI).
  • l’ACIDO PIRUVICO anch’esso prodotto da un eccesso di carboidrati semplici nell’alimentazione.

La MUCOSI si riferisce alle sostanze di rifiuto che non sono solubili nei liquidi. Per esempio il catarro è una “colla” che non si scioglie nell’acqua.

[/toggle] [toggle title=”Eliminazione”] « … » [/toggle] [toggle title=”Inserimento”] « … » [/toggle] [toggle title=”Bilancio acido-base”]

La regolazione dell’equilibrio acido-base ha l’importante funzione di filtrare ed espellere dal sangue le scorie del metabolismo, principalmente le sostanze azotate che si formano con la decomposizione delle proteine, tra cui l’urea e l’acido urico, riportando l’organismo verso uno stato alcalino.

[/toggle] [toggle title=”Il digiuno”]

Il digiuno è un periodo di astensione totale o parziale dagli alimenti durante il quale l’organismo consuma le riserve nutritive accumulate in precedenza dalla normale alimentazione. Per digiuno non deve intendersi una cura o una terapia, ma “semplicemente” il riposo fisiologico dell’organismo.

I principali vantaggi per l’organismo per digiunare:

  1. Dimagrimento
  2. Compensazione fisiologica
  3. Riposo fisiologico
  4. Eliminazione
[/toggle] [br]

Le allergie alimentari

[toggle title=”Le difese dell’organismo”]
  • Le reazioni infiammatorie
  • Il sistema immunitario
  • La memoria del Sistema immunitario
  • I disordini del Sistema immunitario
  • Le difese intestinali
  • Il complemento
[/toggle] [toggle title=”Le allergie alimentari”]
  • La reazione allergica
  • Problemi dovuti alle allergie alimentari
  • Cibi che possono causare allergie alimentari
  • Diagnosi delle allergie alimentari
[/toggle] [toggle title=”La visione medico scientifica”]
  • Il punto di vista medico sulle allergie alimentari
  • L’intervento medico dell’allergia alimentare
[/toggle] [toggle title=”La visione olistica”]
  • Premesse
  • La teoria eziologica dell’Allergia alimentare
  • Visione olistica dell’Allergia alimentare
[/toggle] [br]

Teorie sulla longevità

[toggle title=”Teorie sull’invecchiamento”] La biologia dell’invecchiamento è una branca della scienza ancora molto giovane. Le ricerche intraprese finora sono ancora poco chiare e controverse proprio per la combinazione di più fattori nelle fasi utlime della nostra vita. Nonostante questo è comumque possibile osservare alcuni fenimeno degenrativi su cui riflettere e intervenire.

  • L’ipotesi genetica
  • L’ipotesi neuroendocrina
  • l’ipotesi del conto alla rovescia (Hayflick)
  • L’ipotesi biochimica sulla senescenza
  • L’ipotesi dell’usura
  • L’ipotesi dei radicali liberi
  • L’ipotesi dei telomeri
[/toggle] [toggle title=”Le funzioni anti invecchiamento dei nutrienti”] « … » [/toggle] [toggle title=”Danno cellulare causato dai radicali liberi”] « … » [/toggle] [toggle title=”L’importante ruolo degli antiossidanti”] « … » [/toggle] [toggle title=”DNA e casualità”] « … » [/toggle] [toggle title=”L’ambiente”] « … » [/toggle] [br]

Guida alle terapie con gli alimenti

[toggle title=”La scienza dell’alimentazione”] « … » [/toggle] [toggle title=”Gli studi scientifici sugli alimenti con proprietà terapeutiche”] « … » [/toggle] [toggle title=”Indice analitico dei disturbi trattati con gli alimenti”]
  • Affezioni respiratorie
  • Allattamento
  • Alopecia
  • Anemia
  • Anoressia
  • Anticoncezionali
  • Appetito
  • Articolazioni
  • Asma
  • Aterosclerosi
  • Bronchiti
  • Calvizie
  • Cancro
  • Candidosi
  • Capillari (fragilità)
  • Carenze nutrizionali
  • Carie dentali
  • Cataratta
  • Cefalea
  • Celiachia
  • Colesterolo
  • Coliche
  • Coliti (colite ulcerosa)
  • Coronaropatie
  • Costipazione
  • Crescita
  • Denutrizione
  • Dermatite atopica
  • Diabete
  • Diarrea
  • Diete
  • Digiuno
  • Dimagrimento
  • Distorsione
  • Dolori articolari
  • Edema
  • Emicrania
  • Enfisema polmonare
  • Gastralgia
  • Gravidanza
  • Herpes
  • Immunità
  • Infezioni del cavo orale
  • Infezioni intestinali
  • Insonnia
  • Intolleranza al lattosio
  • Iperattività infantile
  • Ipercolesterolomia
  • Ipertensione
  • Laringite
  • Lussazione
  • Malattie infiammatorie
  • Mal di gola
  • Mal di testa
  • Morbo di Crohn
  • Mestruazioni dolorose
  • Micosi
  • Morbo celiaco
  • Nausea
  • Nevralgia
  • Obesità
  • Odontalgie
  • Parto
  • Prurito
  • Raffreddore
  • Reazioni autoimmunitarie
  • Rettocolite
  • Rinite
  • Rinofaringite
  • Ritardi nella crescita
  • Sazietà
  • Sciatalgia
  • Smagliature
  • Sonno
  • Sovrappeso
  • Spasmi
  • Stanchezza (stanchezza cronica)
  • Stipsi
  • Svezzamento
  • Sviluppo
  • Tabagismo
  • Tosse
  • Tracheite
  • Ulcera gastrica
  • Ulcera duodenale
  • Vaginite
  • Vertigini
  • Vista
  • Zoster

Avvertenze e cautele
Questa guida è stata ideata per integrare le cure del medico, ove già in atto o a seguito di un’attenta visita medica dei sintomi e disturbi segnalati. La medicina convenzionale e le scienze alimentari si incontrano sempre più spesso per collaborare e per avere una visione più ampia dei possibili interventi naturali a beneficio di tutti noi. Il fai da te non è mai consigliato, per ovvi motivi e per semplice buon senso.

[/toggle] [br]

I 10 consigli più importanti per la dieta quotidiana

[toggle title=”Top 10″]

1. I semi giornalieri

2. Le porzioni di legumi

3. La Frutta

4. La verdura

5. I cereali

6. L’acqua e tisane

7. Cibi integrali e biologici

8. Integrazione nutrizionale

9. Cibi da evitare o ridurre

10. Cibi da eliminare o evitare

[/toggle]
[lambdatable id=””]
Share This